Come giocare a centocinque

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Centocinque, oppure 105, è un gioco di carte che si avvicina molto alla tipologia di Uno, in quanto il giocatore che totalizza più punti (massimo 105) perde. Per giocare a Centocinque occorre un mazzetto di carte napoletane e il suo scopo è quello di disfarsi di tutte le carte che si possiedono. Questo fantastico gioco è caratterizzato da un’antica tradizione e viene svolto prettamente in un contesto familiare. Vediamo insieme come giocare a Centocinque.

25

Occorrente

  • carte napoletane
35

Numero giocatori e scopo del gioco

Solitamente sono due i giocatori per svolgere Centocinque, ma ci può giocare anche in tre o in cinque apportando alcune modifiche alle regole. Lo scopo del gioco è quello di raggiungere la soglia massima di 105 punti, chi arriva per primo perde. Dunque l’obiettivo di ogni giocatore è di riuscire in tutti i modi di far acquisire all’avversario quanti più punti possibili.

45

Valori e funzioni delle carte

Le carte utilizzate per giocare a Centocinque possiedono valori e funzioni particolari, ecco quali:

Asso

Questa carta ha il compito di far saltare il turno al proprio avversario; qualora si fosse in possesso di più di un asso sarà possibile tirarli uno dietro l’altro. Una volta calato l’asso, quest’ultimo deve essere obbligatoriamente seguito da un’altra carta, eccezione in fase di chiusura della partita.

Due

Il Due è una carta che ha obbliga l’avversario a pescare due carte dal mazzo. Rispetto al gioco ‘Uno’, Centocinque offre la possibilità di rispondere al Due con un altro Due, facendo quindi pescare all’altro giocatore ben quattro, sei oppure otto carte.

Nove

Il Nove (raffigurato con un cavallo), è una carta che offre il vantaggio di cambiare il seme. Ciò è possibile solamente quando il Nove viene posizionato su una carta dello stesso seme o dello stesso valore.

Dieci

Il Dieci (raffigurato dal re), è una carta che offre la possibilità di invertire il giro. Questo è possibile solamente quando il Dieci viene posizionato su una carta dello stesso seme o dello stesso valore.

Continua la lettura
55

Regole del gioco

Prima che il gioco abbia inizio il giocatore (che possiede il mazzo) distribuisce cinque carte al suo avversario, lasciandone una scoperta accanto al mazzetto. Questa carta non deve essere un Asso. L’avversario dal canto suo deve calare una carta dello stesso seme o valore di quella scoperta, qualora non ne sia in possesso, deve pescare la prima carta dal mazzetto e giocarla. Se anche quest’ultima non può calarla, il suo turno termina e passa al giocatore successivo. Quando un giocatore ha in mano solo una carta ha l’obbligo di dire ‘penultima’, in maniera tale da avvisare l’avversario. Qualora non dovesse esclamare questa parola, subirà una penalizzazione pescando cinque carte dal mazzo.


Per quanto riguarda il punteggio di Centocinque, le carte hanno lo stesso valore del numero che possiedono: ad esempio il Tre vale tre punti, il Quattro vale quattro punti e così via. Solo il Nove vale 25 punti.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giochi da tavolo

Come giocare alla variante di Burraco 4 in 2

Il Burraco sta avendo moltissimo successo, sopratutto perché è intuitivo da comprendere, ma allo stesso tempo richiede strategia e ragionamento. Le regole classiche del Burraco richiedono la presenza di 4 giocatori, ma esiste la variante che, invece,...
Giochi da tavolo

Tecniche per giocare a Scala quaranta

Centotto carte. Quattro semi. Un vincitore.Sicuramente è uno dei giochi più conosciuti dagli italiani, Scala Quaranta è: bravura, intuito, memoria, furbizia e perché no, una buona dose di fortuna.Il 90% dei nostri compaesani, come me, ha imparato...
Giochi da tavolo

Come giocare a Tivitti

Gioco da carte tipico delle tradizioni del Sud-Italia, Tivitti è un passatempo semplice da imparare e adatto a tutti, sia negli assolati pomeriggi estivi sia, ancora meglio, nel periodo delle feste natalizie per trascorrere allegre serate con amici o...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Mambassa

Mambassa è un gioco di carte che deriva il suo nome dal detto "fare man bassa". Viste le regole del gioco, è probabile che questi sia ispirato ai più famosi Trentuno e Pentragola. Manbassa è molto giocato nel litorale marchigiano. In particolare è...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Burraco

Il Burraco è un gioco di carte nato in Italia durante gli anni Quaranta. Vengono usati due mazzi di carte francesi, Jolly inclusi, e vi partecipano solitamente due o quattro giocatori, in quest'ultimo caso vengono divisi in squadre, ma esistono anche...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Pinnacolo

Pinnacolo è un gioco di carte diffusosi negli anni '30 in Italia, prima della Grande Guerra. Il nome del gioco viene dall'inglese "pinochle" e si riferisce alla carta del due di picche. Per giocare una partita servono due mazzi di carte da poker e almeno...
Giochi da tavolo

I 5 giochi di carte da insegnare ai bambini

I giochi di carte hanno un'origine molto antica. Pare, infatti, che alcuni storici leghino la nascita delle carte da gioco a quelle della cartamoneta e sostengano che si siano diffuse a partire dal continente asiatico. Queste prime, rudimentali, carte...
Giochi da tavolo

Regole per giocare ad Asso pigliatutto

Asso pigliatutto è una variante del classico gioco di carte conosciuto come scopa napoletana, ed ha lo stesso obiettivo di raccogliere dal banco il maggior numero di carte per totalizzare più punti dell'avversario. Per giocare si usa lo stesso mazzo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.