Come giocare a Bretagne

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Nel gioco da tavolo, Bretagne i giocatori dovranno affrontarsi per racimolare tutte le merci e la forza lavoro che riusciranno a trovare al fine di costruire sulle coste della Bretagne quanti più fari è possibile, a causa di un mandato della Commissione dei Fari e dei Fanali. Bretagne fu realizzato da Marco Pozzi e Alan D'Amico con la cura dell'Editore Placentia Games. Il gioco uscì ad Ottobre 2015. In questa guida vi spiego come giocare.

27

Occorrente

  • Britagne
  • 1 o 2 ore libere
37

Preparazione del Turno

Ogni volta che sarà il vostro turno Bretagne vi concederà cinque fasi in cui dividerlo. Ogni giocatore sceglie una carta Chiatta che fornisce il numero di ingegneri che ha indicati sopra. Ogni porto produrrà poi un reddito che sosterrà il giocatore. Eretti i porti si riempiono i mercati in due maniere: in maniera fissa con le risorse di Brest e in base a quanto esce da una carta pescata ad ogni turno con il mercato di Quimper. Bisogna infine aggiornare il Meteo e gli spazi dediti alla Costruzione.

47

Acquisizione Risorse

Rotando ogni giocatore fa scorta di merci tramite lo spazio Quimper seguendo la numerazione che vi è sopra le carte Chiatta. Questo passaggio è uno dei più complicati e dei più importanti poiché le merci sono limitate e si possono sottrarre ad altri giocatori. Tale fase non è da prendere sottogamba poiché può compromettere tutta la partita.

Continua la lettura
57

Azioni

Il punto focale del gioco sono proprio le azioni. In base all'ordine dei turni dei giocatori ognuno di essi deve svolgere obbligatoriamente un'azione. Le azioni sono essenzialmente tre: Costruzione, Mercato e Passare. Con Costruzione si può acquistare una tessera della medesima azione e tale tessera si pone sopra uno dei fari in costruzione, così facendo si avranno tanti ingegneri quanti richiesti dalle condizioni meteo e dai fari Purgatorio e Inferno extra, similmente avverrà con le risorse. Con la tessera Costruzioni si hanno anche tanti operai quante risorse si hanno a disposizione e qui al giocatore si pone una difficile scelta: si possono immediatamente ritirare gli operai in maniera tale che per ognuno di loro si abbiano due punti vittoria oppure si possono lasciare sulla tessera per guadagnare punti in seguito. Il Mercato è diviso nei due mercati e ci si mandano gli operai per acquistare le risorse necessarie alla costruzione dei fari. Inoltre vi sono varie modalità di acquisto come è riportato sul tabellone. Passare: facendo questa azione il giocatore decide di terminare il proprio turno ma non deve avere più di tre risorse dello stesso tipo.

67

Fine del Gioco

Il gioco termina quando tutti i fari sono stati eretti. Vince chi al termine ha più punti. Tali punti vengono calcolati valutando tutti i fari completati. I giocatori calcolano con un sistema di maggioranza tutto quello che possiedono: fari, porti, risorse e gli operai sopra citati. Qui gli operai sono solitamente di determinante importanza.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Il gioco è difficile la prima volta ma non abbatterti andrà meglio

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giochi da tavolo

Come giocare a Five tribes

Five tribes è un gioco da tavolo piuttosto semplice anche se impegnativo e soprattutto assai divertente dove si useranno 5 tribù importanti che sono: i consiglieri, i costruttori, i saggi, gli assassini e i mercanti. Nella confezione del gioco si potranno...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Otto minuti per un impero

"Otto minuti per un impero" è un gioco da tavolo rapido e divertente, basato sulla strategia e sull'astuzia, inventato da Ryan Laukat. Il titolo fa riferimento alla breve durata dello svolgimento, ma non fatevi ingannare dalla velocità di gioco. Otto...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Domino

Il Domino è gioco da tavolo di origini antichissime. Ideato in Cina nel 1120, arrivò in Europa solo intorno a diciottesimo secolo. Il concetto che anima questo gioco è semplice e si basa interamente su accostamenti di numeri e somme. Le regole non...
Giochi da tavolo

Regole per giocare al Labirinto Magico

Il "Labirinto Magico" ("Das Verruckte Labyrinth") è uno dei più popolari giochi da tavolo della Ravensburger ideato da Max J. Kobbert nel 1986; nel corso del tempo ha subito diverse riedizioni con formule e caratteristiche diverse. Il gioco base, che...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Oh my goods!

“Oh my Goods! Le mie merci! ” è un gioco di carte nato nel 2015 dal genio creativo di Alexander Pfister e adatto a giocatori al di sopra dei 10 anni (da 2 a 4). Lo scenario è quello di un villaggio medievale all'interno del quale i partecipanti...
Giochi da tavolo

Come giocare a Hexemonia

Hexemonia è un titolo uscito nell'oramai lontano 2014, dovendo parlare brevemente del gioco lo si può descrivere come un gioco gestionale di risorse e di attacco in cui ogni singolo giocatore è al comando di una polis greca. Scopo del giocatore è...
Giochi da tavolo

Come giocare al Castello dei 1000 specchi

Castello dei 1000 specchi è un gioco piacevole ed educativo, che potremmo definire come una rielaborazione del classico memory basata però sull'ottica. Nel giocare aiuteremo un vampiro di nome Victor a ritrovare degli oggetti da lui dimenticati nelle...
Giochi da tavolo

Come giocare a Il Piccolo Principe

I giochi da tavolo sono la soluzione migliore per intrattenere i bambini. Evitando di lasciarli davanti alla TV, possiamo insegnare loro tante cose attraverso il gioco. Ovviamente dobbiamo scegliere strumenti ludici in linea con la fascia d'età in questione,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.